News
 
Centro Studi 10 novembre 2020
Condividi:
La perdita del DURC non ha effetti retroattivi sui benefici precedentemente goduti
Tribunale di Chieti sentenza n. 276/2020 del 03.11.2020
foto La perdita del DURC non ha effetti retroattivi sui benefici precedentemente goduti

Finalmente gli sforzi del nostro Studio, condotti con articoli, saggi, convegni e cause hanno prodotto il primo importante risultato: la perdita dei benefici per DURC irregolare non può essere retroattiva.

Lo ha sancito, per la prima volta con una chiarezza lapalissiane e dovizia di argomentazioni, il Tribunale di Chieti, con la sentenza n. 276/2020 del 03.11.2020, secondo cui la perdita dei benefici contributivi disposta ai sensi dell'art. 1 co. 1175 della L. 296/2006 a causa dell'emissione di un DURC negativo non può avere effetto retroattivo, ma può operare esclusivamente per il periodo successivo alla perdita del DURC, non anche per i periodi precedenti.
La sentenza si mostra particolarmente importante in quanto pone un ulteriore freno ad una prassi ormai diffusa dell'INPS che, anche nei casi di irregolarità contributiva protratta per pochi giorni e per inadempienze di poche centinaia di euro, dispone la revoca integrale dei benefici contributivi sin dal loro iniziale riconoscimento. Accadeva così che aziende perfettamente regolari dal punto di vista contributivo ricevano sanzioni di decine di migliaia di euro per aver ritardato anche di un solo giorno la regolarizzazione della loro situazione, violando il termine di 15 giorni dalla ricezione dell'invito a regolarizzare.
Il Giudice del Lavoro di Chieti, al contrario, ha affermato che il requisito per godere di detti benefici non è l'assenza di inadempienze ma il possesso del Documento, per cui la revoca dei benefici può essere disposta esclusivamente per il periodo in cui la società si è effettivamente trovata sprovvista di DURC, ovvero dalla scadenza dei 15 giorni previsti nell'invito a regolarizzare e comunque fino alla effettiva regolarizzazione della situazione contributiva (e, dunque, fino al rilascio di un nuovo DURC regolare).
La pronuncia si inserisce in un recente filone giurisprudenziale, nell'ambito del quale diversi Giudici di merito di tutta Italia stanno concordemente ritenendo illegittima tale condotta dell'INPS. Anche se la sentenza di Chieti si distingue, lo si ripete, per chiarezza e ricchezza di motivazioni.

Lo stesso Tribunale di Chieti aveva in precedenza sancito un altro importante principio secondo cui il mancato versamento dei compensi di riscossione all’Agenzia delle Entrate non comporta la perdita del DURC. Altri Tribunali, infine, ha sancito più volte che la perdita del DURC non può derivare da inadempienze puramente formali.

Ovviamente ciò non basterà per ottenere un cambio immediato delle prassi INPS ma è l'ennesima dimostrazione che esse non devono essere accettate supinamente e che possono essere ribaltate mediante il contenzioso giudiziario.

Per ulteriori approfondimenti si rinvia all’articolo già pubblicato in questo sito, intitolato: “Esonero contributivo e assegno di ricollocazione: l’INPS ci riprova

Avv.ti Francesco e Paolo Stolfa

Condividi:
solcom logo